Castelli, Atri, Civitella del Tronto

Castelli(TE)-ItalyCastelli: sito alle falde del Gran Sasso, fa parte del gruppo dei borghi più belli d’Italia. Fa parte della Comunità montana Gran Sasso. Il capoluogo è famoso per la produzione di ceramiche, una tradizione che risale all’inizio del Rinascimento, anche si presume precedente, che è divenuta famosa nel mondo per la qualità del design, ma soprattutto per la finezza della decorazione. Nel paese è possibile visitare la chiesa di San Battista che conserva una pala d’altare in ceramica realizzata nel 1647 da Federico Grue. Lungo il borgo ci sono numerosissime botteghe dove ancora oggi si producono e si vendono tanti oggetti di questo pregiato materiale. Distanza da Roseto circa 1 e un quarto di macchina.

Atri: un cuore antico ricco di chiese, palazzi e musei circondati daatri7 panorami unici: è la città di Atri, in provincia di Teramo, uno dei centri storici più significativi d’Abruzzo. Tra i monumenti religiosi da visitare la Cattedralededicata a Santa Maria Assunta con una facciata di imponente semplicità che custodisce un ciclo di affreschi di Andrea de Litio, pittore quattrocentesco. Collegati alla cattedrale il bel chiostro medievale e la cisterna romana. Citiamo inoltre la chiesa di San Francesco e la chiesa di Sant’Agostino col suo prezioso portale quattrocentesco., la chiesa di Santa Chiara con il monastero delle Clarisse. Sul suo territorio da citare sono i famosi calanchi che donano al paesaggio un’aspetto davvero suggestivo. LRiserva Naturale Regionale dei Calanchi di Atri è un’Oasi del WWF Abruzzo. Si estende per 380 ettari, con un dislivello che va dai 106 metri del fondovalle del torrente Piomba ai 468 del Colle della Giustizia, e accoglie i “calanchi”, maestose architetture naturali tipiche del paesaggio adriatico.

3178fortezzacivitelladeltrontoteCivitella del Tronto: la cittadella fortificata, unica nel suo genere in Abruzzo si trova in una splendida posizione panoramica dominante sulle colline sottostanti.
Conserva nell’assetto urbanistico numerosi edifici medievali e rinascimentali racchiusi entro le mura. Le centrali vie Mazzini e via Roma sono costellate da abitazioni signorili come Palazzo del Conte de’ Termes del secolo XIV. Domina sull’abitato la Fortezza, baluardo dei Borboni, una delle più grandi d’Italia. In seguito ai danni subiti, di recente è stata sottoposta a restauro. Tra gli edifici religiosi si segnalano le chiese di S. Francesco con il rosone trecentesco uno splendido coro ligneo, una croce in argento.

I commenti sono chiusi.